Angelo

La tua voce mi ricorda il grido allarmato però mai disperato dell'assiolo, e mi ricorda persino la miscela di giorni felici e tristi del passato, infine mi restituisce gli appelli di un uomo che si fa bambino quando si accorge che la vita ha sempre più fretta.

Incanto-146.jpg
ConteCarola e Francesco
00:00 / 03:58